Rifiuti radioattivi, istituito un comitato tecnico per contestare la scelta dei siti siciliani

La Giunta regionale ha istituito un Gruppo di lavoro, con la Cts, coinvolgendo le quattro Università dell’Isola e i Comuni interessati per contestare l’indicazione di quattro aree in Sicilia come potenziale sito di stoccaggio di rifiuti radioattivi.

Il gruppo, presieduto dell’assessore all’Ambiente Toto Cordaro e coordinato da Aurelio Angelini, dovrà elaborare le motivazioni a sostegno della ferma contrarietà della Regione alle proposte della Carta nazionale, la cui scelta è stata giudicata “irragionevole e priva di fondamento” da parte del presidente della Regione.

“Il governo della Regione, convocato dal presidente Musumeci in seduta straordinaria, prende una posizione chiara e netta sulla così detta Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (Cnapi) per i siti che dovrebbero ospitare i depositi di scorie nucleari”, si legge in una nota.

NUOVO DPCM: A RISCHIO LA DEROGA PER LE VISITE A PARENTI O AMICI

SICILIA, NUOVE MISURE RESTRITTIVE? ORE DECISIVE

MARSALA: RAGAZZO DI 21 ANNI MUORE DOPO 16 GIORNI DI AGONIA

CORONAVIRUS, PALERMO MAGLIA NERA 

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI