movimento-5-stelle

Ristori Agricoltura, M5S all’Ars: “Bando regionale scritto male, così fuori migliaia di imprese”

“Il bando sui ristori covid per le aziende agricole predisposto dalla Regione Siciliana potrebbero essere l’ennesimo boomerang verso il nostro tessuto produttivo”. A dichiararlo è il deputato regionale del Movimento 5 Stelle Giorgio Pasqua insieme al capogruppo Giovanni Di Caro e alle colleghe componenti della Commissione Attività Produttive Valentina Zafarana e Jose Marano a proposito del bando ‘compensazione della perdita di reddito’ in agricoltura.

“La piccola impresa che perde il 50% del fatturato non vedrà un solo euro, mentre la grossa ha più strumenti per sopravvivere e ripartire. L’assessore Scilla lo modifichi o lo ritiri perché così non funziona. Ci stanno arrivando decine di segnalazioni – spiegano i deputati – secondo le quali il bando è sbagliato per diverse ragioni oggettive. Intanto l’agricoltura ha carattere stagionale, quindi scrivere un bando che calcola le perdite su tre mesi non ha granché senso, inoltre, data la dotazione, non è da escludere arrivi la stessa doccia fredda del bonus Sicilia che prevedeva l’erogazione di 30 mila euro ad azienda e invece alle imprese sono arrivati appena 2 mila euro”.

“Il calcolo delle perdite andava fatto su base annuale e non trimestrale perché come l’assessore e i suoi tecnici dovrebbero sapere, ci sono imprese, specialmente le più grosse che prenderanno il bonus di 15 mila euro se hanno tenuto il terreno a riposo e quindi non hanno fatturato per quei mesi e altre che, pur avendo lavorato e vedendosi dimezzato il fatturato, non rientrano nel bonus perché le loro perdite non superano il 60% degli incassi, come previsto dal bando. Il paradosso è che il bando così come è scritto rischia di non agevolare le aziende piccole che in Sicilia sono la maggioranza. Inoltre vi sono aziende che per la natura stessa dei prodotti che coltivano, hanno periodi di fatturato diversi rispetto al periodo 1 Marzo – 31 Maggio 2020, come previsto dal bando. Ci sono aziende ad esempio che producono in autunno e che hanno subito un crollo verticale del fatturato che non vedranno un euro di ristoro da questo bando. Siamo pronti a portare queste segnalazioni in commissione attività produttive nell’auspicio che l’assessore riveda il bando” – concludono i deputati Ars.

LA PROTESTA DEI CENTRI COMMERCIALI: “FATECI RIAPRIRE NEI WEEKEND”

PALERMO, L’EX ASSESSORE MATTINA: “FIDUCIA NELLA MAGISTRATURA”

COVID, SICILIA VERSO LA ZONA GIALLA 

MAFIA, BLITZ NEL SIRACUSANO CONTRO IL CLAN TRIGILA 

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI