Elezioni amministrative: a Marsala trionfa Grillo, Terranova sindaco a Termini

ORE 23.25 —-> QUI TUTTI I VERDETTI DEL PRIMO TURNO: SINDACI ELETTI E COMUNI AL BALLOTTAGGIO

ORE 22.08 – A Carini (Pa) sarà ballottaggio tra Giovì Monteleone – che ha ottenuto il 36,6% – e Salvatore “Totò” Sgroi con il 32,8%.

ORE 21.48 – A Graniti (Me) vittoria “di misura” per Carmelo Lo Monte con il 50,09%. A Raccuja (Me) eletto sindaco Ivan Martella con il 55,25%. A Pollina (Pa) è Pietro Musotto il sindaco con il 53,22%.

ORE 21.43 – A Pedara (Ct) eletto sindaco Alfio Cristaudo (53,7%). Ad Agira (En) vittoria larghissima per Maria Gaetanagreco (80,85%); a Nicosia (En) vince Luigi Salvatore Bonelli (72,6%).

ORE 21.38 A Serradifalco (Cl) trionfo assoluto per Leonardo Burgio, eletto sindaco con il 90% dei voti. A Villalba (Cl), invece, Maria Paola Immordino vince il duello serrato con Rita Favata: 51,07% contro 48,93%.

ORE 21.29 – Sempre più vicino il ballottaggio ad Agrigento: con 23.997 schede scrutinate su 32.693, Francesco Micciché si attesta al 37,4%, mentre il sindaco uscente Lillo Firetto lo segue con il 27%.

ORE 21.10 – É Pippo Midili, 57 anni, giornalista il nuovo sindaco di Milazzo, nel messinese. Il nuovo primo cittadino ha ottenuto oltre il 43% dei voti al primo turno contro il 25% dell’uscente Lorenzo Italiano. Pippo Midili è stato appoggiato da sei liste civiche più Diventerà Bellissima, Forza Italia e Fratelli d’Italia.

ORE 21.05A Enna l’avvocato Maurizio Dipietro è rieletto sindaco. Manca una sola sezione, ma il vantaggio è enorme: 60% contro il 24% di Dario Cardaci. Dipietro è al suo secondo mandato, sostenuto dalle liste civiche Enna Viva, Siamo Enna, Partito per Enna , Uniti per Enna e Liberamente. E su 23 consiglieri comunali 15 vanno proprio all’area di Di Pietro. Scomparsa dal consiglio comunale la compagine del M5S. La Lega con Giuseppe Savoca non va oltre il 6 per cento mentre Maurizio Bruno , con la sua lista civica, Cives si attesta oltre il 6 per cento.

ORE 21.01 – Ore decisive per definire il ballottaggio a Floridia (Siracusa): il più votato è Marco Carianni, sostenuto da due liste civiche. Ma alle sue spalle è corsa a tre tra Salvo Burgio (sostenuto da liste civiche), Claudia Faraci del Pd e Cristian Fontana di Fratelli d’Italia.

ORE 20.54 – Giuseppe Castiglione confermato sindaco di Campobello di Mazara (Tp), con il 66,9%. Niente da fare per l’ex pm Antonio Ingroia che si ferma al 18,6% e in virtù di questo risultato (non avendo raggiunto la soglia minima del 20%) non dovrebbe entrare neppure in consiglio comunale. Ancora più staccato il terzo candidato, Gaspare Passanante.

ORE 20.35 – A Bompensiere (Caltanissetta) il sindaco è Salvatore Virciglio con il 66,92%. A Mussomeli (Cl) riconfermato Giuseppe Sebastiano Catania con quasi il 70% dei voti.

ORE 20.20 – Maria Terranova (nella foto di copertina) è il sindaco di Termini Imerese. Vince al primo turno con il 43,11%, davanti a Francesco Caratozzolo al 29,59%

ORE 20.05 – Matteo Ruvolo, appoggiato da liste di centrodestra, dovrebbe essere il nuovo sindaco di Ribera. I dati non sono ancora ufficiali ma il candidato avrebbe superato il 40 % dei voti. Dietro di lui Alfredo Mulè liste civiche di Destra. e Lega e Francesco Montalbano appoggiato da liste di centrosinistra.

ORE 19.50 – Ad Agrigento sempre più vicino lo scenario del ballottaggio: Franco Micciché, appoggiato da liste civiche e da Vox Italia si attesta al 37%; il sindaco uscente Lillo Firetto, appoggiato da liste civiche, al 27%.

ORE 19.32 – A Ispica (Ragusa) il sindaco sarà eletto al primo turno: è testa a testa infatti oltre la soglia del 40% fra il sindaco uscente Pierenzo Muraglie e l’ex assessore regionale alla Sanità Innocenzo Leontini. I due candidati sono tuttora separati da poche centinaia di voti: quando mancano poche sezioni, Leontini ha un vantaggio di poco meno di 300 voti su Muraglie.

ORE 19.27 – L’ex presidente della Commissione nazionale antimafia, Francesco Forgione, sarà il nuovo sindaco di Favignana, la principale isola delle Egadi. Superati Maria Sinagra, candidata del centro destra, e Salvatore Braschi (lista civica).

ORE 19.22 – Ormai manca solo l’ufficialità, ma Massimo Grillo sarà il nuovo sindaco di Marsala con circa il 56% dei consensi al primo turno (ampiamente sopra la soglia del 40%) e battendo il primo cittadino uscente Di Girolamo, fermo al 33% e che si è detto pronto a rinunciare al seggio in Consiglio Comunale. “Mi aspettavo questa vittoria – dice Grillo – Bastava ascoltare i cittadini. C’era una voce univoca. Ringrazio tutti i marsalesi per la fiducia che hanno dato alla mia persona e al gruppo di lavoro”.

ORE 19.08 – A Marsala (Tp) Massimo Grillo del centrodestra sempre più vicino ad una nettissima vittoria sul sindaco uscente Alberto Di Girolamo (centrosinistra): con 60 sezioni scrutinate su 80, Grillo si attesta al 54,8% contro il 30% di Di Girolamo.

ORE 18.56 – A Carini (Pa) siamo a metà dello spoglio: in testa il sindaco uscente Giovì Monteleone (centrosinistra) con il 38%; a seguire Salvatore Sgroi del centrodestra con il 32%; segue Gianfranco Lo Piccolo con il 26%, infine Ambrogio Conigliaro con il 4%.

ORE 18.54 – Giuliano Cortina è il nuovo sindaco di Scillato (Pa): ha ottenuto il 56,81% dei voti battendo Giuseppe Frisa (43,19%).

ORE 18.50 – Metà spoglio ad Agrigento: sono state scrutinate 13.209 schede su oltre 26 mila. Il candidato sindaco Franco Micciché, appoggiato da liste civiche e da Vox Italia è al 39,07%.

ORE 18.35 – Ormai definito il ballottaggio ad Augusta (Siracusa): a contendersi la carica di sindaco saranno l’ex primo cittadino Pippo Gulino e l’ex consigliere comunale Giuseppe Di Mare, entrambi sostenuti da liste civiche. Entrambi hanno distanziato di circa dieci punti percentuali l’altro ex sindaco, Massimo Carrubba, ed il sindaco uscente Cettina di Pietro (M5S).

ORE 18.18A Barcellona Pozzo di Gotto (Me), Pinuccio Calabrò risulta in netto vantaggio. Su 7740 schede scrutinate Calabrò (centrodestra) ha ottenuto 4693 preferenze, pari al 60,63%, mentre Antonio Mamì il candidato del Centrosinistra 2455 voti, cioè il 31,71% . Giuseppe Sottile di Vox Italia ha per ora 593 preferenze pari al 7,66%.

ORE 18.06 – A Villabate (Pa) è in testa Gaetano Di Chiara, del centrodestra, con il 49%. Seguono a metà dello spoglio Giovanni Pitarresi del centrosinistra con il 34%, al 12% Giuseppe Irsuti esponente di liste civiche, infine Maria Vitale del movimento 5 Stelle con il 5%.

ORE 18.02A Misilmeri (Pa) è in testa Rosario Rizzolo (centrodestra): a metà dello spoglio ha raggiunto il 48% dei voti. Poco più indietro il sindaco uscente Rosalia Stadarelli, con il 40%, appoggiata da liste civiche. Giuseppe Sucato si attesta al 10%.

ORE 17.59 – Giuseppe Pizzolante è eletto sindaco di San Salvatore di Fitalia (Messina): era candidato unico e la sua elezione è valida in virtù del raggiungimento del quorum.

ORE 17.40 – La situazione a Marsala (Tp) dopo 30 sezioni scrutinate su 80 vede Massimo Grillo (centrodestra) nettamente avanti con il 54,8%. Il sindaco uscente Alberto Di Girolamo (centrosinistra) si ferma al 30%.

ORE 17.33 – A Campobello di Mazara (Tp), con 7 sezioni su 14, il sindaco uscente Giuseppe Castiglione si attesta al 64,45%. Nettamente staccato Antonio Ingroia con il 21%.

ORE 17.27 – Ufficiale l’elezione di Maurizio Zingales a sindaco di Mirto (Me): a lui il 60,15% dei voti. Si ferma al 39.85% l’atro candidato, Fedele Fiocco

ORE 17.20 – A Termini Imerese, con 26 sezioni su 30), Maria Terranova (M5S – PD) si attesta al 44,54%. Segue Francesco Carattozzolo (centrodestra) con il 28,50%.

ORE 17.10 – Dopo 7 sezioni scrutinate su 55, ad Agrigento Francesco Micciché (liste civiche) si attesta al 39,10%, precedendo Lillo Firetto (centrodestra, 25,23%).

ORE 17.05 – Dopo lo scrutinio di oltre la metà delle 35 sezioni di Enna il sindaco uscente Maurizio Di Pietro (candidato appoggiato da liste civiche e del centrodestra) si attesta quasi al 60 per cento contro il candidato Dario Cardaci appoggiato da liste di centrosinistra e civiche che si attesta al 24 per cento. 5,8 per cento per Giuseppe Savoca, candidato della Lega, Cinzia Amato,l’unica candidata donna a sindaco, dei M5S, 4,5 e Maurizio Bruno, che è in corso con una lista civica, Cives al 6,1 per cento.

ORE 16.55 – A Marsala Massimo Grillo è nettamente avanti in diverse sezioni che hanno concluso lo spoglio: se la tendenza venisse confermata potrebbe anche essere eletto sindaco direttamente al primo turno.

ORE 16.45 – Secondo alcune proiezioni (non ufficiali) Massimo Grillo sarebbe in netto vantaggio a Marsala sul sindaco uscente Di Girolamo.

ORE 16.30 – A Barcellona Pozzo di Gotto i primi dati darebbero in vantaggio Pinuccio Calabrò, del centrodestra, seguito da Antonio Mamì. A Milazzo sarebbe in vantaggio Pippo Midili.

ORE 15.35 – Con il 65,02% Messina è la provincia con l’affluenza media più alta, mentre il dato più basso si registra nella provincia di Caltanissetta (affluenza media del 50,98%).

ORE 15.32 – AFFLUENZA DEFINITIVA IN SICILIA: nei 60 comuni siciliani ha votato il 59,18%, pari a 409.385 persone su 691.762 aventi diritto.

ORE 15.05 – Definitivo il dato di affluenza ad Agrigento: nel capoluogo agrigentino ha votato il 62,98%, pari a 32.693 su 51.912 aventi diritto (nelle precedenti elezioni l’affluenza era stata del 67,46%).

ORE 15.00 – Ufficiale la rielezione a Gibellina (Tp) del sindaco uscente, Salvatore Sutera: come a San Mauro a Castelverde (Pa) era l’unico candidato ed è stato raggiunto il quorum di votanti.

ORE 14.45 – Tra i primi dati definitivi di affluenza c’è anche quello del comune di Enna: nel capoluogo ennese, ha votato il 61,34% (16.349 persone su 26.655 aventi diritto). Nelle precedenti elezioni l’affluenza a Enna era stata del 66,67%.

ORE 14.20 – Le operazioni di spoglio sono iniziate, ma in un comune l’esito è già certo: si tratta di San Mauro Castelverde, dove Giuseppe Minutilla è stato riconfermato sindaco (era candidato unico ed è già stato raggiunto il quorum di votanti).


Urne chiuse, ora è il momento dello spoglio. Si sono chiuse alle ore 14 le operazioni di voto nei 60 comuni siciliani chiamati a eleggere il nuovo sindaco e il nuovo consiglio comunale (il 18 e 19 sono previsti gli eventuali ballottaggi).

Tra i 60 comuni al voto due capoluoghi di provincia: Enna e Agrigento. Si vota anche in altri grossi centri come Milazzo, Augusta, Marsala, Termini Imerese e Carini. 

Non si è votato invece a Tremestieri Etneo, in provincia di Catania, comune escluso dal voto a causa di illeciti penali rilevati dalla magistratura nella raccolta e autenticazione delle firme (le elezioni sono state rinviate a novembre).

CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO DELLA SICILIA OGGI (5 OTTOBRE)

CLICK DAY FALLITO, RINVIATO A GIOVEDì 8 OTTOBRE

CLICK DAY, DAVVERO NON SI POTEVA FARE MEGLIO DI COSI’?

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI