Ritardo nei tamponi, Razza chiede pazienza: “Occorre prudenza per evitare contagi”

L’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza che chiede pazienza e con un video postato su Facebook si scusa con i cittadini che stanno attendendo qualche giorno in più per l’esame dei tamponi.

“Dieci laboratori – spiega – sono stati dedicati soltanto ai tamponi post-quarantena con l’utilizzo di strutture private che ci consentiranno di mettere assieme ogni giorno 1.200 tamponi che sono diversi da quelli che sono negli ospedali. Una linea a parte indispensabile a tutela della salute pubblica”.

“Al termine della quarantena obbligatoria – aggiunge – abbiamo chiesto di attendere qualche altro giorno in più perché vogliamo che in ciascuno di questi soggetti venga effettuato un controllo sanitario o con un tampone o con uno degli altri 11 sistemi di controllo che sono stati liberati da pochissimi giorni dal ministero della salute. E’ uno sforzo organizzativo enorme e mi scuso con i cittadini che stanno attendendo qualche giorno in più. Abbiamo di questi cittadini già acquisito circa 6.000 tamponi e ne sono stati elaborati oltre 4.000, ma ne abbiamo rinvenuto 39 positivi”.

“Ecco perché è importante chiedere pazienza, dobbiamo evitare che un soggetto che sta benissimo a casa, confortato da uno stato di salute assolutamente e apparentemente perfetto, magari è un soggetto positivo, ma asintomatico, che se reinserito in maniera precoce nel contesto sociale può contagiare altre persone e non possiamo permettercelo”. Razza a questi cittadini chiede “il sacrificio, nell’interesse di tutti, di attendere qualche giorno in più prima di lasciare casa, per evitare di esporre i nostri concittadini a una quota aggiuntiva di pericolo”.

“Sono convinto – osserva – che dopo Pasqua riusciremo ad assicurare tampone e test a tutti questi cittadini. E’ una scelta difficile, ma importante. Chi deve attendere qualche giorno in più deve avere la consapevolezza che è una scelta anche e soprattutto verso tutti gli operatori sanitari che stanno facendo un gran lavoro per la salute pubblica”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI