Sardine, la pagina Facebook oscurata torna online: “Bersagliati dalle segnalazioni”

Nella notte (dopo un periodo di oscuramento) è tornata visibile su Facebook la pagina ‘6000 Sardine’ e così anche quella ‘6000 Sardine 2’, che era stata creata per l’alto numero di adesioni a quella originale. L’oscuramento è durato alcune ore ed era stato denunciato dagli organizzatori del movimento spontaneo nato a Bologna e poi diffusosi in altre città (tra cui Palermo) attraverso il tam tam dei social.

“La pagina 6000 sardine è stata oscurata pochi minuti fa senza giusta causa. In mancanza di post offensivi o violenti – avevano scritto gli organizzatori – la pagina è stata comunque bersaglio di un gran numero di segnalazioni. Questo ha automaticamente generato l’oscuramento della pagina”.

Poi in mattinata la conferma della riapertura della pagina attraverso un nuovo post: “La pagina 6000 sardine è di nuovo on-line! La pagina non presenta violazioni. In attesa di ricevere ulteriori chiarimenti tecnici sull’accaduto, se dovesse succedere di nuovo, invitiamo tutti a pazientare e non creare pagine, gruppi o eventi alternativi. Generano confusione e disorientamento. Ogni attacco o problema sui social riempirà semplicemente di più le piazze. Per chi non l’avesse capito…”

Dopo la notizia della sospensione di ‘6000 Sardine’ sono stati tanti i messaggi di solidarietà arrivati agli ideatori bolognesi dell’iniziativa. “In democrazia, quando qualcuno ti contesta lo smentisci, se hai gli argomenti per farlo – ha detto il Governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini – se invece lo segnali per oscurarlo significa che sei al capolinea. Solidarietà alle 6000Sardine che tra poche ore torneranno. Non si ferma il vento con le mani. E l’Emilia Romagna #nonsilega”.

Categorie
attualitàweb
Facebook

CORRELATI