Saverio-Romano

Saverio Romano: “Coalizione tra moderati ma senza il Partito Democratico”

Per l’ex ministro Saverio Romano, leader del Cantiere Popolare, la formazione di una coalizione di moderati che si rifanno al Partito Popolare Europeo e che si opponga al Movimento Cinque Stelle e alla Lega, sopratutto in vista delle Europee, non è un’ipotesi ma un obiettivo a cui sta lavorando. Tuttavia, Romano non vuole che faccia parte di questo patto il Partito Democratico, al contrario di quanto ha già fatto intuire e a più riprese il presidente dell’ARS e commissario regionale di Forza Italia, Gianfranco Micciché.

Nell’intervista rilasciata al Giornale di Sicilia, e in edicola oggi sabato 12 gennaio, Romano parla di “percorso ben avviato e che inevitabilmente porterà a un rassemblement dei moderati” ma “non dobbiamo commettere l’errore di confondere il nostro elettorato. Perché da un lato è possibile trovare delle intese su iniziative che possono portare lo stesso segno. Dall’altro, abbiamo una prospettiva politica, anche in Europa, diversa dai socialisti”, sottolineando che “le ammucchiate sono sempre destinate a fallire”. Insomma, quando possibile, FI e PD possono lavorare insieme ma non nell’ambito di una coalizione.

Saverio Romano, che ha confermato la possibilità di una sua candidatura alle Europee nella lista di Forza Italia (“sto valutando”), ha poi teso la mano a Diventerà Bellissima, il momento di Nello Musumeci e a “tutti quei soggetti del volontariato e del mondo del lavoro che si sentono attratti da un progetto che non può essere quello di grillini e leghisti. Noi siamo per un modello di società inclusiva e solidale. Alcuni della sinistra, invece, la vorrebbero deregolata. Noi, per esempio, siamo contrari ai campi rom che stanno ancora a Palermo. Sono sfumature che distinguono la nostra posizione: solidarietà dentro le regole”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI