movimento-5-stelle

Scandalo Covid, il M5S: “Razza si dimetta, certificato il fallimento di Musumeci”

È un diluvio di commenti preoccupati e di richieste di dimissioni. Dopo il segretario del Pd Anthony Barbagallo, anche i deputati del Movimento 5 Stelle criticano la gestione sanitaria del Governo Musumeci e chiedono le dimissioni dell’assessore Razza.

La nota è firmata dai deputati nazionali Roberta Alaimo, Valentina D’Orso e Adriano Varrica, e dal senatore Steni Di Piazza. “Restiamo sgomenti nell’apprendere dello scandalo e di come, secondo le accuse, si possa esser giocato sulla salute dei siciliana falsificando i dati dei contagi. È l’ulteriore disastro della gestione dell’emergenza che certifica il fallimento dell’amministrazione Musumeci. Ove gli esiti dell’indagine dovessero confermare la responsabilità dell’assessore Razza e dei dirigenti e funzionari regionali coinvolti, si tratterebbe di un fatto di una gravità inaudita. Nell’attesa che la magistratura accerti i fatti, però, è necessario ed opportuno che l’assessore Razza si dimetta, senza perdere un attimo di tempo. L’inchiesta odierna getta un’ombra troppo grande sul suo operato che compromette irrimediabilmente la fiducia dei cittadini nelle istituzioni, proprio in quelle istituzioni che dovrebbero avere come obiettivo la cura e la tutela della salute della collettività”.

A prendere posizione è anche il sottosegretario alle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri: “Un personaggio pubblico non può mentire alla popolazione solo per un tornaconto politico mettendo a rischio la salute pubblica, perché ciò, non solo è grave, ma soprattutto è immorale. Per questo motivo deve dimettersi, perché la Sicilia e i siciliani meritano di più. – Per mesi abbiamo assistito alle sceneggiate messe in atto dal presidente Musumeci e dal suo fidatissimo assessore Razza. Hanno schernito il sistema delle zone differenziate e non hanno mai perso occasione per criticare e attaccare ogni azione del Governo nazionale.

Analoga la posizione del gruppo M5S all’Ars. “Se confermate, le notizie sulla bufera che ha investito i vertici dell’assessorato alla Salute, assessore Razza compreso, sarebbero di una gravità inaudita. L’eventuale falsificazione dei dati sui contagiati dal Covid per non fare scattare la zona rossa, come ipotizzato dalla magistratura, potrebbe aver avuto conseguenze nefaste sui cittadini, è ciò, ovviamente, sarebbe intollerabile. La notizia riportata dalla stampa dell’intercettazione dell’assessore alla Sanità, che parlerebbe con una sua dirigente della spalmatura su più giorni dei dati sui morti, se confermata, sarebbe gravissima: Razza si dimetta, è inevitabile. Sulla corrispondenza dei dati sui contagi rilevati con quelli reali, come sui posti letto attivati per le terapie intensive abbiamo sempre sollevato dubbi e chiesto dettagliate notizie, che non ci sono mai state comunicate”.

SCANDALO COVID IN SICILIA, LE INTERCETTAZIONI DI RAZZA

MUSUMECI: “FIDUCIA IN RAZZA E NELLA MAGISTRATURA”

“DATI FALSI SUL COVID IN SICILIA”: INDAGATO RAZZA, TRE ARRESTI

ORLANDO: “COMUNE DI PALERMO PARTE CIVILE”

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI