Scandalo Covid, “la terapia intensiva diminuisce perché ce li scotoliamo”: le intercettazioni

Proseguono le indagini sullo scandalo della presunta falsificazione dei dati Covid in Sicilia e dalle carte emergono nuovi inquietanti retroscena sulla gestione delle informazioni (e sul tono con cui dirigenti si confrontavano a riguardo). Nell’ordinanza del Gip di Trapani Caterina Brignone viene riportata anche una conversazione la dirigente dell’Osservatorio epidemiologico della Regione, Letizia Di Liberti e Ferdinando Croce (Vicario capo di Gabinetto, anche lui indagato).

La Di Liberti fa notare al collega una dinamica dei dati: “Hou… vedi che sono assai! Che c’è. il dato questo dei deceduti e quindi ti diminuisce la terapia intensiva, ma non perché la gente torna nei reparti”. Dall’altra parte del telefono la risposta è sarcastica: “La terapia intensiva diminuisce perché ce li scotoliamo”. La stessa Di Liberti, gli replica subito: “Perché muoiono”.

MUSUMECI, DRAGHI E IL PESCE D’APRILE CHE NON FA RIDERE

SCANDALO DATI COVID: SPUNTA IL NOME DI COSTA

BARBAGALLO: “ESPERIENZA MUSUMECI AL CAPOLINEA, SI DIMETTA”

SMARTPORT, L’AUTORITÀ DI SISTEMA DELLA SICILIA OCCIDENTALE PRONTA ALLA SFIDA DEL RECOVERY FUND

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI