Sciopero del commercio a Palermo e provincia: i lavoratori si fermeranno il 15 luglio

Sciopero del commercio il prossimo 15 luglio a Palermo e provincia per il riconoscimento del diritto al riposo durane i giorni festivi. A proclamarlo sono la Uiltucs Sicilia e la Fisascat Cisl Palermo-Trapani.

I lavoratori si fermeranno per 8 ore e comunque per l’intero turno di lavoro “per la giornata del 15 luglio, festa della Patrona di Palermo, al fine di garantire a tutte le lavoratrici e lavoratori del settore il diritto al riposo festivo nel rispetto di un giusto significato e valore delle festività del nostro Paese”.

“Le norme contrattuali vigenti in materia, prevedono la facoltà per ogni lavoratrice e lavoratore del settore del commercio di decidere liberamente se prestare o meno la propria opera lavorativa nelle giornate festive” e aggiungono che “molteplici sentenze della Cassazione rafforzano il principio di libertà di adesione alla richiesta di prestazioni lavorative nelle giornate festive”.

La nota è a firma di Marianna Flauto e Stefano Spitalieri. Lo sciopero, quindi, è stato indotto “per dare la possibilità a tutte le lavoratrici e lavoratori del settore di trascorrere liberamente la giornata festiva con i propri cari, e soprattutto a quei lavoratori ai quali alcune imprese hanno illegittimamente contrattualizzato il lavoro festivo. Nei confronti di queste imprese si avvieranno le azioni legali finalizzate a riconoscere l’illegittimità dei contratti individuali che hanno tali previsioni”.

INCIDENTE STRADALE NEL CATANESE, COINVOLTE QUATTRO AUTO E UNA MOTO: TRAFFICO IN TILT

BIMBO MORTO A SHARM EL SHEIKH: ARRIVATI A PALERMO I GENITORI DEL PICCOLO ANDREA

SICCITÀ, IL SINDACO LAGALLA: “A PALERMO NESSUNA EMERGENZA. GLI INVASI SONO PIENI”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI