Scuola, Lagalla: “Il rientro potrebbe slittare ancora. Dobbiamo valutare bene”

L’assessore regionale all’Istruzione, Roberto Lagalla, durante l’inaugurazione del nuovo anno accademico al teatro Politeama di Palermo, ha fatto il punto della situazione sul rientro a scuola degli studenti, già slittato a giovedì in seguito alla recrudescenza dell’emergenza Covid in Sicilia.

“Al di là delle polemiche, se si ascoltano le esigenze giunte in modo unanime dalle scuole e dai Comuni, allora questo rinvio della riapertura di tre giorni e fino anche a cinque giorni, è utile per fare fronte alle nuove misure anti-Covid – afferma – . Visto che avevamo adottato un calendario con sufficienti misure di salvataggio mi preoccupa poco lo slittamento in avanti del ritorno degli studenti in aula. Non si può pretendere che i ragazzi stiano cinque ore davanti ad uno schermo e tra l’altro non lo fanno. Se immaginiamo che lo facciano ci prendiamo in giro”.

“Se giovedì si tornerà in presenza? Oggi è una giornata importante perché i presidi riprendono possesso dopo le vacanze natalizie e faranno il censimento delle disponibilità di personale e verificheranno il numero di allievi vaccinati e quindi si potrà capire quale sarà la forza che potremo dispiegare in campo. Oggi sarà una giornata di valutazione, da domani cominceremo a capire meglio“, aggiunge Lagalla, sottolineando: “Abbiamo disposto un cammino agevolato per gli studenti che vogliono sottoporsi alla vaccinazione, stesso discorso vale per i tamponi”.

BLITZ DEI NAS IN RSA E CASE DI RIPOSO, DENUNCE E SEQUESTRI ANCHE IN SICILIA

COVID IN SICILIA, FORTE AUMENTO DI NUOVI POSITIVI E RICOVERATI: IL REPORT SETTIMANALE

CORLEONE, È MORTA ALL’ETÀ DI 83 ANNI LA SORELLA DEL BOSS BERNANDO PROVENZANO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI