Semplificazione amministrativa, il ddl è stato approvato dalla prima commissione dell’Ars

Oggi in Prima Commissione all’Ars è stato approvato in via definitiva il disegno di legge sulla semplificazione amministrativa, primo firmatario Luca Sammartino e cofirmatari i capigruppo dei partiti della coalizione di maggioranza, compreso lo stesso presidente della Commissione Stefano Pellegrino.

“È stata approvata una norma necessaria – afferma Pellegrino – per velocizzare la realizzazione di opere infrastrutturali urgenti, oltre che per la messa in sicurezza e la riqualificazione di edifici scolastici regionali e comunali. A seguito della pandemia, che ha messo in crisi la nostra economia, sarà fondamentale l’intervento normativo che potrà consentire di realizzare opere pubbliche senza i ritardi burocratici che bloccano lo sviluppo economico dell’isola. La sburocratizzazione di tali procedure non sarà più una chimera. Mediante lo snellimento dei processi amministrativi – favorito anche dall’uso dei canali telematici – potranno essere ridotti i tempi per il rilascio dei permessi, per la liquidazione di anticipazioni di spesa e degli stati di avanzamento lavori nell’ambito di programmi finanziati o cofinanziati con risorse extraregionali”.

“Lo snellimento amministrativo mira a realizzare un intervento normativo che, sul modello EXPO e ponte Morandi, consenta di realizzare opere infrastrutturali in pochi mesi, evitando l’interminabile maratona burocratica di grandi opere strategiche come il ponte Himera, la Ragusa – Catania, il porto di Marsala che, come tutte le opere pubbliche, si arenano spesso sulla spiaggia della burocrazia. Lo stesso Presidente Miccichè ha disposto la trattazione urgente del ddl, ravvisando la necessità di una svolta ‘smart’ e digitale delle procedure, associata allo svecchiamento della classe dirigenziale. È ormai virale la sua espressione: se c’è la legge la devo rispettare, non mi deve autorizzare nessuno a rispettarla”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI