Sequestro Virgin, ci sono sei indagati fra imprenditori e funzionari pubblici /NOMI

Ci sono anche sei indagati nella vicenda che ha portato al sequestro dei locali che a Palermo ospitano la palestra “Virgin”, una delle più frequentate in città (LEGGI QUI I DETTAGLI). La contestazione riguarda presunti abusi edilizi nella ristrutturazione dei locali.

I sei indagati sono: Filippo Basile, 41 anni, amministratore della “Euroleasing Company spa” proprietaria dell’immobile, figlio di Rosario Basile della Ksm; Antonino Lo Duca, 53 anni, progettista e direttore dei lavori fatti per ampliare la struttura che prima ospitava un locale; Tommaso Castagna, 64 anni, titolare della società esecutrice dei lavori; i funzionari del Comune l’architetto Giuseppe Monteleone, dirigente responsabile dello Sportello Unico delle attività produttive; Antonino Zanca e Sergio Marinaro che hanno istruito la pratica.

I primi tre sono accusati degli abusi edilizi. I funzionari comunali sono accusati di abuso d’ufficio per avere procurato “intenzionalmente – si legge nel provvedimento – ingiusti vantaggi alla società Euroleasing Company Spa”.

PALERMO, SIGILLI ALLA PALESTRA VIRGIN

OASI TROINA, CONFESSA IL VIOLENTATORE DELLA RAGAZZA DISABILE

LA REGIONE ANNULLA IL CLICK DAY

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI