carciofi

Siccità in estate, troppo freddo in inverno. In crisi la raccolta dei carciofi in Sicilia

Sono momenti difficili per i produttori siciliani di carciofi. Lo racconta Freshplaza.com, intervistando l’imprenditore agricolo Enzo Rametta che ha spiegato: “per il secondo anno consecutivo, la raccolto del carciofo è stata disastrosa. L’anno scorso, la stagione è stata caratterizzata dalla siccità estiva. A dicembre la situazione è peggiorata con il freddo che ha bloccato la crescita delle piante “.

“Quest’anno le piogge persistenti di ottobre e novembre – ha aggiunto Rametta – hanno inondato i nostri campi provocando così l’asfissia delle radici dei carciofi che ne hanno influenzato la qualità. Inoltre, alcune settimane fa, il gelo e il freddo intenso hanno portato altri grandi problemi”.

L’imprenditore Rametta ha sottolineato che “i prodotti commerciabili non sono molto gradevoli esteticamente. Ancora una volta, abbiamo perso parte del nostro reddito. Molti produttori dovranno affrontare tempi davvero difficili, considerando gli alti costi che di solito paghiamo. Inoltre, neanche la raccolta dell’anguria ci ha aiutati”.

“Il danno economico è consistente – ha dichiarato Rametta – 3.000 ettari di carciofo hanno perso il 40% della produzione. I prezzi bassi sono un altro fattore che ci sta erodendo”.

In effetti, quest’anno in Sicilia c’è stato un freddo insolito sia in termini di durata che di intensità. Per questo motivo, i prezzi sono in aumento ma il consumo sta diminuendo. Ad esempio, il cavolfiore rosso ha raggiunto il costo di 15 euro a scatola.

Per far fronte ai danni patiti dagli agricoltori a causa del maltempo, comunque, di recente l’assessore per l’agricoltura Edy Bandiera ha annunciato benefici di carattere previdenziale.

Categorie
economia
Facebook

CORRELATI