Sicilia, il Tar di Palermo sospende l’anticipazione dell’apertura della caccia

Oggi il Tribunale Amministrativo regionale, sezione III, ha pubblicato l’ordinanza cautelare n. 467/2022 relativa al ricorso di Enpa, Lac, Legambiente Sicilia, Lndc Animal Protection, Lipu e Wwf Italia che avevano impugnato il Calendario Venatorio 2022-2023, emanato dall’Assessorato regionale dell’Agricoltura.

Il TAR Palermo ha accolto la richiesta di misure cautelari avanzata dalle Associazioni ricorrenti, per cui è stata sospesa l’anticipazione dell’apertura della caccia sin dal 1° settembre e dell’addestramento cani sin da agosto.

Pertanto la caccia in Sicilia potrà aprire non prima della terza domenica di settembre (18 settembre) come previsto dalla legge nazionale sulla fauna n. 157/1992, senza nessuna deroga o anticipazione. Inoltre il Tribunale ha sospeso la caccia a Tortora e Coniglio per l’intera stagione venatoria, in quanto non sono state rispettate dalla Regione le prescrizioni stabilite per limitare il prelievo venatorio di queste due specie.

Oggi il TAR ha dato ragione alle sei organizzazioni richiamando proprio “il parere obbligatorio dell’ISPRA” che, “pur non essendo vincolate per l’Amministrazione, onera quest’ultima, laddove ritenga di discostarsene, ad un aggravio motivazionale in specie non sempre riscontrabile e/o sufficiente a superare i rilievi dell’ISPRA”. La Regione, invece, aveva utilizzato altri documenti – forniti dalle Associazioni venatorie – per contrastare le valutazioni di ISPRA ed allargare i periodi e le specie cacciabili; il TAR ha censurato tale scelta di “far ricorso a pareri resi da organismi non accreditati presso lo stesso ISPRA, unico soggetto dotato di competenze scientifiche cui la legge assegna un ruolo primario nella materia di che trattasi”.

PALERMO, DOMENICO BONANNO ELETTO CAPOGRUPPO DELLA DC NUOVA IN CONSIGLIO COMUNALE

INCIDENTE STRADALE NEL SIRACUSANO, PERDE LA VITA UN GIOVANE DI 27 ANNI

REGIONALI, BARBAGALLO (PD): “CAMPO LARGO? SIAMO L’ALTERNATIVA A MUSUMECI”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI