Sicilia in “zona arancione”, Di Dio (Confcommercio): “Effetto psicologico deleterio”

La presidente di Confcommercio Palermo, Patrizia Di Dio, commenta il passaggio della Sicilia in “zona arancione”. “Contribuisce a rendere ancora più incerto lo scenario presente e futuro, argomento tutt’altro che secondario per gli imprenditori che devono organizzare la propria attività e decidere per tempo se, come e quanto investire”, dice.

È evidente che questa incertezza crea un effetto psicologico deleterio non solo sugli imprenditori ma anche sui cittadini che hanno paura, che non sono certo stimolati ad uscire da casa. Questo clima non incentiva i consumi e non ci permette di superare una crisi che dura già da due anni e che sta logorando la resistenza di chi ha dovuto fare veri e propri miracoli per tenere in piedi la propria attività”.

“All’ennesimo annuncio negativo, oggi l’arancione e domani chissà, che garanzie abbiamo da parte di un sistema di governo politico della crisi, sanitaria ed economica, la cui prevedibile programmazione e la conseguente efficacia non è stata all’altezza delle attese e delle risorse spese, e a volte sprecate?”

COVID IN SICILIA, I DATI DEL 21 GENNAIO

COVID, SICILIA IN “ZONA ARANCIONE” DAL 24 GENNAIO: SPERANZA HA FIRMATO L’ORDINANZA

SICILIA IN “ARANCIONE”, COSA CAMBIA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI