Sicilia in zona gialla, ecco cosa cambia: ristoranti e bar, spostamenti, negozi, musei

La Sicilia torna zona gialla e dunque si prepara ad nuovo allentamento delle misure. Resta il vincolo sugli ospiti nelle abitazioni private, ma ora sarà possibile spostarsi liberamente in tutto il territorio regionale e attività di ristorazione e bar potranno nuovamente riceverei i clienti. Ecco cosa prevedono le norme nazionali in regime di zona gialla:

SPOSTAMENTI: Almeno fino al 25 febbraio resta vietato uscire dalla regione (salvo che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute), ma sarà ora consentito spostarsi all’interno del territorio regionale. Gli spostamenti sono consentiti dalle ore 5 alle 22, orario in cui scatta il coprifuoco. È sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Dal 16 gennaio 2021 il rientro si considera consentito verso le seconde case anche se ubicate fuori regione.

VISITE PARENTI E AMICI: É consentito (salvo diversa disposizione locale) fare visite ad amici o parenti una sola volta al giorno, nello stesso Comune, tra le ore 5.00 e le 22.00, per un massimo di due persone, oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro.

RISTORAZIONE: Bar e ristoranti possono tornare a ricevere i propri clienti all’interno del proprio locale nel rispetto delle norme sul distanziamento e l’igienizzazione del locale stesso. Bar e ristoranti possono ricevere clienti dalle ore 5 alle ore 18.

Il servizio di consegna a domicilio è sempre consentito. L’asporto per i ristoranti è consentito dalle 5 alle 22, mentre i bar possono fino alle 18, come previsto dal nuovo Dpcm (QUI I DETTAGLI).

NEGOZI E ATTIVITÀ COMMERCIALI: Tutte le attività commerciali possono aprire (non sono previste infatti limitazioni alle categorie di beni vendibili). I commercianti hanno la responsabilità di garantire le misure di prevenzione e la corretta igienizzazione degli spazi. Nei weekend e nei giorni festivi e prefestivi, le attività nei centri commerciali restano chiuse TRANNE farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie, edicole, librerie e vivai.

CULTURA: Riaprono i musei. Il servizio di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura (di cui all’articolo 101 del Codice dei beni culturali e del paesaggio) è assicurato, dal lunedì al venerdì, con esclusione dei giorni festivi, con modalità di fruizione contingentata e nel rispetto delle misure anti-Covid. Alle stesse condizioni sono aperte al pubblico anche le mostre.

ATTIVITÀ MOTORIA E SPORTIVA: É consentita l’attiva venatoria in tutto il territorio regionale. Le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali sono sospese, fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza per le attività riabilitative o terapeutiche e per gli allenamenti degli atleti, professionisti e non professionisti, che devono partecipare a competizioni ed eventi riconosciuti di rilevanza nazionale con provvedimento del CONI o del CIP. È consentito recarsi presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, dell’area gialla, per svolgere esclusivamente all’aperto l’attività sportiva di base, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall’Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), con la prescrizione che è interdetto l’uso di spogliatoi interni a detti circoli.

LA SICILIA DIVENTA ZONA GIALLA. ARRIVA L’ORDINANZA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI