Sicindustria, Gregory Bongiorno nuovo presidente. Prende il posto di Albanese

Gregory Bongiorno, 46 anni, di Castellammare del Golfo, è il nuovo presidente di Sicindustria. L’imprenditore prende il posto di Alessandro Albanese. “Appartenenza e partecipazione degli imprenditori associati saranno il must al quale si ispirerà il mio mandato”, queste le sue prime parole.

“Sono cresciuto come uomo e come imprenditore in Confindustria, ed è soltanto un convinto spirito di servizio che mi ha spinto ad accettare questa nuova sfida – continua – . Transizione energetica ed economia circolare, Recovery Fund, aree industriali, distretti produttivi, semplificazione amministrativa, innovazione tecnologica sono questi gli obiettivi ai quali dovremo puntare nella nostra azione”.

Laurea in Economia Aziendale, imprenditore nel settore dei servizi pubblici locali, amministratore della Agesp spa, azienda con 300 dipendenti; una lunga esperienza nel mondo confindustriale, ha ricoperto il ruolo di presidente del Gruppo giovani imprenditori di Confindustria Trapani; presidente di Confindustria Trapani, attualmente ricopre l’incarico di vice presidente nazionale dell’associazione di categoria Confindustria Cisambiente , nonché componente del comitato credito e finanza di Confindustria a Roma.

Il nuovo presidente sarà affiancato dai vice presidenti Ivo Blandina, con funzioni vicarie, con delega ai Trasporti, Logistica e Infrastrutture; Antonio Siracusa, con delega ai rapporti interni, organizzazione e gestione tesoreria; Luigi Rizzolo, con delega all’energia e transizione energetica. A Bongiorno gli auguri del presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, del vicepresidente Alberto Marenghi e di Alessandro Albanese.

L’assessore regionale alle Attività produttive Mimmo Turano, rivolgendosi al nuovo vertice degli industriali siciliani, ha detto: “Auguri di buon lavoro al nuovo presidente di Sicindustria, Gregory Bongiorno. Tante sfide ci attendono nei prossimi mesi e il dialogo con gli industriali costituisce un elemento fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi comuni di crescita e sviluppo delle attività produttive in tutta l’Isola, a cominciare dal Trapanese, territorio di origine di entrambi. Dalla transizione energetica alla spesa del Recovery Fund, dalla riqualificazione delle aree industriali alla semplificazione amministrativa sino all’innovazione tecnologica e all’avvio delle Zes sono tanti i temi che affronteremo con spirito di condivisione con la nuova governance degli imprenditori, così come avvenuto sino ad ora”.

IL MINISTRO LAMORGESE IN VISITA A PALERMO

È MORTA CARLA FRACCI, AVEVA 84 ANNI

VACCINI, FIGLIUOLO PREPARA LA NUOVA FASE: PRENOTAZIONI LIBERA DAL 10 GIUGNO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI