Gaetano-Armao

Sistemi informativi: Sicilia e Piemonte firmano un accordo di collaborazione

L’Assessore all’Economia della Regione Siciliana, Gaetano Armao, e l’Assessore all’Ambiente, Energia, Innovazione e Ricerca della Regione Piemonte, Matteo Marnati, hanno firmato un accordo di collaborazione per la condivisione di esperienze e soluzioni finalizzate alla realizzazione di sistemi informativi – innovativi per la Pubblica Amministrazione – volti al potenziamento della società dell’Informazione, dell’Agenda Digitale e dell’e-Government, nei relativi territori regionali, con particolare riferimento al contesto dell’energia e dell’applicativo “Sipee”.

“Si tratta di un ulteriore passo avanti nella strategia di trasformazione digitale portata avanti dal Governo Musumeci – si legge in una una nota – L’accordo prevede lo scambio di esperienze e di collaborazione che comporteranno numerosi benefici alle due Regioni che potranno usufruire gratuitamente degli sviluppi già effettuati da ciascuna e contribuire congiuntamente all’evoluzione delle componenti applicative condivise”.

“L’accordo firmato oggi – dice Armao – è un chiaro esempio di come la cooperazione tra amministrazioni regionali produca vantaggi in termini di sostenibilità economica dei servizi offerti ai territori. La collaborazione con la Regione Piemonte consente di mettere a fattor comune le competenti risorse regionali, permettendo un notevole risparmio sui costi della trasformazione digitale.”

La cooperazione tra le due Regioni, si concretizza sia sul piano istituzionale, attraverso il confronto e raffronto tra le rispettive modalità di attuazione delle riforme amministrative in atto, sia in ambito tecnologico, attraverso lo scambio di know-how e di informazioni relative a soluzioni di potenziale reciproco interesse, finalizzato alla ricerca delle sinergie più opportune.

Nell’ambito dell’accordo, riveste particolare importanza, il settore ricerca e sviluppo che prevede la promozione comune di iniziative e progetti di R&D identificando, in particolare, forme di cooperazione nell’ambito dei rispettivi piani di trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione. A tal fine le Regioni s’impegnano a mettere a disposizione adeguate risorse umane e professionali, già presenti all’interno dell’Amministrazione, e possono avvalersi, nel rispetto della normativa vigente, dei soggetti in-house CSlPiemonte e Sicilia Digitale nonché di eventuali altri soggetti a partecipazione regionale.

PALERMO, “CLUSTER” DEL CIVICO: TAMPONI NEGATIVI PER I SANITARI

SICILIA, I LIDI BALNEARI NON DOVRANNO PAGARE IL CANONE 2020

MONTELEPRE, QUASI 2 MILIONI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLA SP

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI