Margherita Ferro

Solo una donna tra le nomine del sottogoverno: la consigliera di parità scrive a Musumeci

Anche la consigliera di parità per la Sicilia, Margherita Ferro, critica le nomine di sottogoverno effettuate dalla Giunta Musumeci. Non è questa volta una questione politica – come hanno fatto tante altre forze di opposizione – ma una questione di “genere”: solo una donna in mezzo a tanti uomini.

“Siamo lontani da un raggiungimento di una parità di Genere. Non è più consentito ignorare il merito delle donne, la loro mancata partecipazione nei ruoli apicali le condanna a subire scelte e decisioni consacrate da soli uomini. Il governo della Regione Siciliana non tiene conto dello spirito della Costituzione che, con l’art. 51 e l’art. 3, ricorda che le donne possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di assoluta parità e che tutti i cittadini hanno pari dignità sociale”.

Come Consiglierà di Parità  chiedo al Presidente Musumeci, persona che stimo e apprezzo, una nuova stagione di riforme e di attenzione verso la parità di genere. Il raggiungimento di una democrazia paritaria e di genere non è una sterile rivendicazione femminile, ma la possibilità per la Nostra Sicilia di affrontare e risolvere i problemi da prospettive diverse e con rinnovata energia

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI