carabinieri

Sparatoria a Cinisi, fermato un ragazzo di 20 anni: avrebbe sparato ai due fratelli

Un giovane di 20 anni di Carini è stato fermato in quanto sospettato di aver sparato in piena notte a Cinisi ai fratelli Emanuel e Roberto Bozzo (che si erano fermati ad un distributore di benzina dopo essere stato coinvolto in una lite con rissa nella vicina Terrasini).

La lite – secondo la ricostruzione dei carabinieri – sarebbe iniziata tra alcune ragazze e i tre giovani sarebbero intervenuti a difesa di fazioni opposte (i fratelli a difesa di alcuni familiari, il presunto aggressore a difesa della fidanzata). La vicenda sembrava risolta con l’intervento dei carabinieri, ma poi i Bozzo sono stati raggiunti da alcuni colpi di pistola mentre si erano fermati a Cinisi.

Emanuel Bozzo è stato medicato e poi dimesso. Roberto Bozzo è stato sottoposto a intervento a Partinico e ha subito l’asportazione della milza: è tuttora in prognosi riservata. L’ipotesi di reato carico del 20enne è di tentato omicidio.

COVID IN SICILIA: LA DIFFUSIONE RALLENTA MA LE INTENSIVE CRESCONO

BALESTRATE, TROVATO UN CADAVERE IN SPIAGGIA: È STATO SEGNALATO DAI PASSANTI

CONTROLLI ANTIDROGA NELL’AGRIGENTINO, 24ENNE TROVATO CON UN PANETTO DI HASHISH: ARRESTATO

 

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI