Sunseri (M5S): “Ospedale di Termini con pochi medici e in abbandono, Razza intervenga”

“Organico medico e sanitario notevolmente ridotto, apparecchiature obsolete, arredi e strutture malridotte”. A denunciare la situazione all’ospedale di Termini è il deputato M5S all’Ars Luigi Sunseri che sottolinea le condizioni in cui versa l’ospedale Cimino, punto di riferimento soprattutto per l’area delle Madonie.

“La struttura – dice il deputato – è praticamente abbandonata a se stessa, con apparecchiature obsolete, arredi malridotti, ascensori funzionanti a singhiozzo, e soprattutto, con una carenza di organico oltre ai livelli di guardia, col risultato che non è possibile garantire i livelli essenziali di assistenza. Ho scritto al direttore dell’Asp di Palermo, Faraoni, e all’assessore alla Salute, Razza, perché intervengano con urgenza”.

“Le carenze di organico principali riguardano il Pronto soccorso (attualmente con solo 4 medici strutturati in servizio sui 15 previsti), il reparto di Anestesia e Rianimazione, con 12 medici in servizio sui 16 previsti, con la conseguente notevole riduzione degli interventi chirurgici programmati) e, soprattutto, il reparto di Cardiologia, dove è presente un solo medico, che, oltre ad affrontare turni estenuanti, non può garantire assistenza continua, col risultato che quando questo medico non è in servizio, l’intera struttura ospedaliera rimane senza il fondamentale apporto di un cardiologo”.

“Il quadro – segnala Sunseri nella nota inviata ad Asp e assessorato – è ulteriormente aggravato dalla mancata copertura di alcuni ruoli organizzativi: da ben nove anni manca il primario del reparto di Medicina interna, da sette quello di Chirurgia e da tre quello di Anestesia e Rianimazione”.

BLITZ ANTIDROGA A PALERMO: 9 ARRESTI

TERZA DOSE, SI PARTE IL 20 SETTEMBRE CON GLI IMMUNOCOMPROMESSI

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 13 SETTEMBRE 2021

IL BOLLETTINO NAZIONALE DEL 13 SETTEMBRE 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI