Sversamento di petrolio a Ragusa, l’ENI chiarisce: “Si tratta di un fenomeno naturale”

Dopo i numerosi approfondimenti sullo sversamento di petrolioin contrada Moncillè, nell’area del “Pozzo 16” di Enimed, l’ENI ha inviato una nota per chiarire la propria posizione, rispondendo alle tante accuse che sono state rivolte alla multinazionale in questi anni.

“Con riferimento agli articoli di stampa relativi agli affioramenti di idrocarburi dal torrente Moncillè (Ragusa), rilevati nell’aprile del 2019 e tutt’ora in corso, Eni precisa e chiarisce che i sopralluoghi in campo, le verifiche, gli studi prodotti e gli approfondimenti di laboratorio indicano che le scaturigini sono un fenomeno naturale non legato ad operazioni petrolifere“. — L’ARTICOLO COMPLETO SU IALMO.IT

MUSUMECI: “NON C’È ALCUNA CRISI DI GOVERNO”

ENRICO LETTA AL VETRIOLO: “MUSUMECI AL CAPOLINEA”

COVID, PROROGATA FINO AL 26 GENNAIO LA “ZONA ARANCIONE” A PALMA DI MONTECHIARO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI