cortese dimissioni quasi certe dopo condanna