Dia

  • Inchiesta talpe: resta in carcere l’ufficiale della Dia Marco Zappalà

    Resta in carcere Marco Zappalà, l’ufficiale della Dia arrestato due settimane fa con l’accusa di rivelazione di segreto d’ufficio e accesso abusivo al sistema informatico. Il tribunale del Riesame, a cui il carabiniere si era rivolto chiedendo la scarcerazione, ha rigettato l’istanza. Stessa decisione aveva preso la settimana scorsa...
  • Sequestrati beni per oltre sette milioni di euro a un imprenditore edile messinese

    Mafia, confiscato patrimonio a imprenditore vicino alla famiglia di Mistretta

    La Dia di Messina, insieme al Centro Operativo Dia di Catania, sta eseguendo, su disposizione della sezione Misure di Prevenzione del Tribunale, la confisca del patrimonio di un imprenditore di Sant’Agata di Militello che opera nel settore del movimento terra e della produzione del calcestruzzo, ritenuto vicino alla famiglia...
  • Renato-Panvino

    Renato Panvino lascia la Dia di Catania e va a Nuoro

    Dopo cinque anni di permanenza come capo centro operativo Dia, il primo dirigente della Polizia Renato Panvino lascia Catania per assumere l’incarico di vicario del Questore di Nuoro. Durante la sua gestione la Direzione investigativa antimafia etnea ha eseguito importanti operazioni nel contrasto alla mafia in Sicilia orientale con...
  • Dia

    Mafia, confiscati 40 milioni di beni all’imprenditore di Alcamo Giuseppe Amodeo

    La Dia di Trapani ha notificato all’imprenditore di Alcamo, Giuseppe Amodeo, 64 anni, che opera nell’edilizia e nel settore turistico-alberghiero, e ai suoi familiari, il decreto di confisca del loro patrimonio (per circa 40 milioni di euro) disposto dalla quinta sezione della Corte d’appello di Palermo. Da anni ha...