intascava i soldi delle carte d’identità elettroniche