vigilanza armata negli ospedali siciliani