Tentata estorsione a degli imprenditori, tre persone arrestate nell’Agrigentino

Con minacciosi messaggi, foto e note vocali avrebbero tentato – provando ad intimidire – di imporre assunzioni di familiari ed amici, ma anche retribuzioni non dovute e rescissione di contratti di locazione. Ad essere presi di mira, dal dicembre del 2019 fino allo scorso agosto sarebbero stati più imprenditori, soprattutto coloro che si occupano della raccolta dei rifiuti.

Tre gli empedoclini che sono stati arrestati, dai poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento, in esecuzione di un’ordinanza cautelare ai domiciliari firmata dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Palermo, Filippo Serio, che ha disposto anche l’applicazione del braccialetto elettronico.

È stata esclusa però l’aggravante dell’associazione di tipo mafioso e per questo motivo gli atti dell’inchiesta della Dda di Palermo sono stati trasmessi al procuratore della Repubblica di Agrigento, facente funzione, Salvatore Vella.

Ai domiciliari sono stati posti – con l’accusa di concorso in tentata estorsione – Giuseppe Migliara di 61 anni, Giuseppe Freddoneve di 34 anni e Filippo Freddoneve di 59 anni. L’inchiesta della Squadra Mobile, che è coordinata dal vice questore aggiunto Giovanni Minardi, e della Dda di Palermo (del fascicolo s’è occupato il sostituto procuratore Alessia Sinatra) ha preso il via dopo la denuncia di uno degli imprenditori che era stato bersaglio di richieste estorsive e di tentativi di intimidazione.

MICCICHÉ: “MELONI STA GIOCANDO A DIVIDERE FORZA ITALIA. BERLUSCONI MALTRATTATO…”

REGIONE, SCHIFANI CONFERISCE L’INCARICO AI CAPI DI GABINETTO IN ATTESA DEI NUOVI ASSESSORI

RIFIUTI, DE LUCA: “MUSUMECI AVEVA PROMESSO 50 MILIONI, ORA LI TROVI IL MONARCA SCHIFANI”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI