Tentato omicidio a Rosolini: due persone sono state arrestate dai carabinieri

I carabinieri hanno fermato due uomini accusati del tentato omicidio di un agricolture bulgaro a Rosolini (Siracusa) lo scorso 29 gennaio. I soggetti finiti in carcere sono Fethi Nhari, 37 anni (originario della Tunisia e irregolare sul territorio italiano) e Natale Savarino, 28 anni, di Rosolini.

Il cittadino tunisino, secondo gli investigatori, avrebbe avuto un litigio con la vittima per poi successivamente “aizzare” Savarino contro di lui. Il 28enne avrebbe allora imbracciato un fucile (detenuto illegalmente) e avrebbe esploso due colpi quasi a bruciapelo nel cortile di casa dell’agricoltore. I due si sarebbe poi dati alla fuga, mentre l’uomo veniva soccorso e trasportato in ospedale ad Avola, dove è stato sottoposto ad intervento chirurgico per scongiurare il decesso.

Il 37enne tunisino si era nel frattempo spostato nelle campagne di Bronte, nel catanese: lì è stato raggiunto e fermato dai militari mentre accudiva alcuni bovini. Un fucile è stato trovato di proprietà di Savarino: l’arma è stata sequestrata.

RISTORI, MUSUMECI: “LA SICILIA PUO’ FARE POCO”

EMERGENZA CASA, I SINDACATI: “PROROGARE IL BLOCCO AGLI SFRATTI”

COVID; NOVE CENTRI VACCINALI IN SICILIA

MAFIA, MAXI SEQUESTRO A CARMELO LUCCHESE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI