Totò Riina morto per cause naturali: fascicolo archiviato

“Morte per causa naturali”. Questo l’esito degli accertamenti medico-legali sulla salma di Totò Riina, capo dei capi di Cosa Nostra, dopo che era stato aperto dalla Procura di Parma, un fascicolo a carico di ignoti per poter svolgere l’autopsia e fugare qualsiasi tipo di sospetto o mistero

Riina è morto il il 17 novembre 2017, il giorno successivo al suo 86° compleanno nel reparto detenuti dell’ospedale Maggiore di Parma dove era ricoverato in terapia intensiva, dopo che le sue condizioni di salute si erano aggravate.

Sin dai primi riscontri non erano emersi elementi di sospetto contro nessuno o anomalie trattandosi di morte naturale, ma l’autopsia è stata disposta per fugare ogni dubbio, prima di procedere all’archiviazione. La salma era stata nel frattempo trasportata in Sicilia e tumulata a Corleone.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI