Trapani, un uomo muore durante un soccorso: i parenti distruggono l’ambulanza

Un uomo di 61 anni è stato colto da malore a Trapani. Il personale del 118 ha tentato invano di rianimarlo ma è ugualmente deceduto. I parenti, in preda all’ira, hanno quindi danneggiato gravemente l’ambulanza.

L’episodio è avvenuto in via Vito Catalano, a Fontanelle Sud, quartiere popolare di Trapani. La morte del congiunto ha scatenato la rabbia dei parenti che con alcune mazze, calci e pugni, hanno danneggiato l’ambulanza del 118 mandando in frantumi il parabrezza e danneggiando altri vetri del mezzo.

“È l’ennesimo episodio di incomprensibile violenza – dicono dal Mud 118, l’associazione di categoria che assiste tutti i dipendenti – Noi prestiamo servizio e veniamo aggrediti. Comprendiamo il dolore per i familiari, ma non accettiamo simili azioni che condanniamo con forza”.

FOTO DI REPERTORIO

COVID, MAXI TRUFFA DA 440 MILIONI SULLE MISURE DI SOSTEGNO: INDAGATE 78 PERSONE

AMMINISTRATIVE E REGIONALI, È L’ORA DELLE DECISIONI. A CHI TOCCA PRENDERLE?

COVID IN SICILIA, MENO RICOVERI MA AUMENTANO I DECESSI: IL REPORT SETTIMANALE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI