Truffa ai danni dell’ospedale Papardo, 5 indagati a Messina: “Gonfiavano il peso dei rifiuti”

Cinque persone sono indagate a vario titolo per un presunto caso di truffa ai danni dell’ospedale Papardo di Messina in merito alla raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti speciali ospedalieri. Sotto inchiesta è una società che ha vinto un appalto per lo smaltimento di questi rifiuti.

L’accusa è di aver certificato un volume maggiore di rifiuti smaltiti per ottenere un rimborso maggiore dall’ospedale: secondo quanto emerso dalle indagini, gli indagati avrebbero riempito di acqua i contenitori o (in alcuni casi) i dipendenti sarebbero fisicamente saliti sulla bilancia per far risultare un peso maggiore.

Tra gli indagati ci sono il responsabile della società aggiudicataria del servizio e 4 dipendenti della ditta. Nei confronti del titolare della ditta il gip ha emesso anche un sequestro preventivo di circa 10 mila euro.

VIOLENZA SESSUALE E MINACCE A UNA RAGAZZA: 4 ARRESTI A GRAVINA DI CATANIA

UCCIDE IL COMPAGNO DI CELLA: ARRESTATO DETENUTO A CALTAGIRONE

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 9 DICEMBRE 2021

IL BOLLETTINO NAZIONALE DEL 9 DICEMBRE 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI