quote tonno turano sollecita il ministro centinaio riapriamo la discussione

Turano: “Altro che mancette, il Bonus Sicilia è una misura seria per le imprese”

Cresce l’attesa per il “click day” del 5 ottobre attraverso il quale verranno erogate le somme – 125 milioni – contenute nel cosiddetto “Bonus Sicilia” (10.000 domande precompilate in appena 4 giorni) e l’assessore alle Attività Produttive Turano difende le scelte adottate nel bando e rimanda al mittente tutte le accuse mosse negli ultimi giorni.

“Il Bonus Sicilia è una misura di sostegno alle imprese seria e trasparente, l’esatto contrario di alcune mancette inefficaci che alcuni critici mi sembrano evocare – dice Turano – Abbiamo concepito il provvedimento per sostenere concretamente le microimprese danneggiate dal lockdown e non per dare un contributo ridottissimo a pioggia e senza criterio”.

“A parte qualche inesattezza sui codici Ateco, subito corretta, la Regione non ha fatto nessuna scelta discrezionale ma si è basata esclusivamente decreti del presidente del Consiglio e Ordinanze del presidente della Regione che nei mesi scorsi hanno determinato quali attività dovessero chiudere a causa dell’emergenza sanitaria. Comprendiamo le difficoltà di tutti ma a fronte della dotazione finanziaria e delle esigenze del sistema produttivo abbiamo deciso di utilizzare un criterio oggettivo per evitare qualsiasi accusa di favoritismo verso questa o quella categoria”.

Turano si sofferma poi sul sistema del click day, contestato in particolare dalle opposizioni: “Non sono un fan di questo sistema ma è quello che ci indica la legge per pagare le imprese secondo l’ordine di presentazione e i requisiti richiesti. Agli esponenti dell’opposizione che si stracciano le vesti sul click day dico con chiarezza che per essere rapidi e imparziali nei pagamenti la legge non ci offre altro sistema che questo a meno che qualcuno non pensi di affidarsi al sorteggio o a una lotteria”.

Le aziende artigiane, commerciali, industriali, di servizi e alberghiere che rientrano nei criteri del bando hanno tempo fino al 4 ottobre per preparare e caricare l’istanza sulla piattaforma siciliapei.regione.sicilia.it in vista dell’invio previsto il 5 ottobre.

REFERENDUM, PERCHE’ E’ STATO UN ERRORE VOTARE SI

LA GIUNTA DI PALERMO TAGLIA TARI E IMU PER IL 2020

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI