Uccide l’ex compagna e la figlia, poi si suicida: dramma della follia a Mussomeli (Cl)

Dramma della follia questa notte nel paese di Mussomeli, in provincia di Caltanissetta. Un uomo di 27 anni ha ucciso una donna di 47 con la quale aveva avuto una relazione amorosa, ha ucciso la figlia di lei, 27enne e poi si è tolto la vita.

I carabinieri, intervenuti sul posto, hanno ricostruito così la tragedia: L’omicida é Michele Noto, 27 anni, titolare di un porto d’armi sportivo che gli consentiva di detenere la pistola con la quale ha sparato. Noto ha sparato a Rosalia Mifsud, di 48 anni, con la quale aveva avuto una breve relazione perchè non voleva rassegnarsi alla fine della storia; dopo averla uccisa ha sparato anche alla figlia di lei, Monica Di Liberto, 27 anni, avuta da un matrimonio precedente. Poi, come forse aveva già progettato con lucida follia, Noto ha sparato a se stesso.

I fatti sono avvenuti in  una abitazione del centro storico di Mussomeli. I vicini allertati dal trambusto hanno subito chiamato i carabinieri ma non c’è stato nulla da fare. Nonostante il tempestivo intervento, quando gli uomini dell’Arma e il personale del 118 sono arrivati i tre erano già privi di vita. Sono in corso ulteriori indagini sul luogo del delitto ma ci sono pochi dubbi sulla ricostruzione. In queste ore i carabinieri del comando provinciale di Caltanissetta e della Stazione di Mussomeli, stanno interrogando familiari e amici dei tre alla ricerca di indizi utili a ricostruire quanto accaduto.

Noto, incensurato, non si era mai rassegnato alla fine della storia e l’ennesimo rifiuto di lei gli avrebbe fatto scattare la furia omicida: è entrato nell’appartamento dove si trovavano le due donne e dopo un’accesa discussione ha ucciso prima Rosalia Mifsud e poi la figlia Monica. Da una prima ricerca sembra che la donna non avesse mai sporto denuncia per molestie, ma la figlia Monica non era mai stata d’accordo sul fatto che la donna avesse una relazione con un giovane della sua stessa età.

Il sindaco di Mussomeli Giuseppe Catania, dopo la tragedia di questa notte, ha deciso di proclamare il lutto cittadino: “La comunità di Mussomeli è sconvolta per quanto accaduto. E’ sicuramente un evento che ci ha scossi profondamente, sia per la tragedia in sé, tre giovani vite spezzate, e ancora più sconvolgente per il fatto che si tratta di persone che non hanno mai fatto nulla di strano e quindi non era un fatto prevedibile” . Il ragazzo era una persona tranquilla – aggiunge – che non ha mai dato motivo di pensare che potesse compiere azioni del genere. In questo momento il mio pensiero va ai familiari delle due giovani vittime, madre e figlia, ma anche ai familiari del giovane ragazzo che vivono un momento di grande dolore sia per il fatto accaduto che per la perdita del loro figlio”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI