Un lenzuolo in ricordo di Falcone e Borsellino: l’opera esposta in decine di città

Questa mattina, si è svolta la cerimonia, organizzata in piazza Verdi dalla Fondazione Falcone con la collaborazione dell’Arma dei Carabinieri, “Lenzuoli della Memoria”, ideata in occasione del 29° anniversario dell’eccidio di Capaci. Il lenzuolo (che sarà esposto in decine di città) raffigura Giovanni Falcone e Paolo Borsellino con un’immagine realizzata dal gruppo di lavoro guidato dal designer Carlo Fiore.

Questa mattina al Teatro Massimo la Fanfara dell’Arma dei Carabinieri ha eseguito l’inno nazionale ed è stato esposto il lenzuolo bianco, proposto dalla Fondazione Falcone e realizzato a Brancaccio nei laboratori di scena del Teatro. In contemporanea a Roma, e in altre 20 città d’Italia, si è svolta identica cerimonia con l’esposizione dello stesso lenzuolo sul Colosseo.

Alla cerimonia hanno partecipato la professoressa Maria Falcone, sorella del giudice Falcone, il generale di brigata Rosario Castello, comandante della Legione, il comandante provinciale dei carabinieri Arturo Guarino. Presente anche il sindaco e presidente della Fondazione Teatro Massimo Leoluca Orlando. “La città di Palermo come ogni anno si unisce all’Arma dei Carabinieri e alla Fondazione Falcone – ha dichiarato Orlando – nel ricordo delle tante vittime di mafia e in particolare di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, punti di riferimento della nostra terra e dell’intero paese. Con i tanti giovani delle scuole italiane – ha concluso il sindaco – ricordiamo l’importanza del ritorno alla vita, celebrando la memoria di chi l’ha persa per la affermazione della legalità e ricordando che il sacrificio dei giudici Falcone e Borsellino e di tutte le vittime di mafia ha permesso di liberare la città di Palermo dal governo di Cosa Nostra”.

UN ALVEARE NELL’EX AREA CONFISCATA: L’INIZIATIVA DEL CENTRO MUNI GYANA

MUSUMECI SBOTTA: “COSA ASPETTA ROMA PER IL PONTE?”

VACCINI; ALLA RICERCA (DI NUOVO) DEL CAMBIO DI PASSO

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 19 MAGGIO 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI