“Uve per vini generici, ridurre le rese per ettaro”: Lombardo presenta un emendamento

La resa massima di uva per ettaro, per la produzione di vini comuni, va ridotta drasticamente. E’ questo il contenuto di un emendamento presentato del deputato del Movimento 5 Stelle alla Camera Antonio Lombardo alla proposta di legge sulla semplificazione agricola attualmente in discussione alla commissione Agricoltura di Montecitorio.

L’emendamento, che andrebbe a modificare il testo unico sul vino, propone un’importante riduzione delle rese delle uve per la produzione di vini generici per ettaro, che passerebbero dalle attuali 50 tonnellate a 30 tonnellate, introducendo un limite a livello nazionale. La norma introduce deroghe per i territori che producono di più, fino a un massimo di 40 tonnellate per ettaro.

“Si tratta – afferma Lombardo – di una norma richiesta a gran voce dai territori e condivisa dal 90 per cento delle associazioni di categoria. Le grandi giacenze, assieme ai prezzi bassi e alla disparità tra la raccolta dichiarata e il vino prodotto, rappresentano infatti tra le principali emergenze del settore vitivinicolo, specie in Sicilia”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI