Vaccino anti-Covid, in Sicilia si va a rilento: solo il 4,8% ha ricevuto entrambe le dosi

Una campagna vaccinale contro il Covid in ritardo e con anomalie nei dati di chi ha beneficiato delle dosi in Sicilia. È quanto mette in evidenza l’ultimo monitoraggio della Fondazione Gimbe, relativo alla settimana 24-30 marzo. Sull’Isola, infatti, va a rilento la vaccinazione della categoria che più di tutte ha bisogno, gli over 80, mentre continua a salire il numero dei vaccinati nella categoria “altro”.

In Sicilia, infatti, secondo i dati forniti dal Ministero della Salute e aggiornati al primo aprile 2021, sono oltre 240 mila i vaccinati nella categoria “altro”, che non comprende fasce prioritarie. Gli over 80 che hanno ricevuto almeno una dose, invece, sono 184.023. Una differenza troppo ampia per quella che, secondo le indicazioni nazionali, dovrebbe essere la categoria prioritaria da vaccinare.

Inoltre, c’è anche il problema di chi ha già completato il ciclo vaccinale, cioè chi ha ricevuto entrambe le dosi. In Sicilia è solo del 4,8% ma anche a livello nazionale si registrano dei ritardi in tal senso. In Italia, appena il 28% degli over 80 che ha effettuato il ciclo completo. Ancora ai nastri di partenza la fascia 70-79 anni: siamo al 2%.

SCANDALO COVID, “LA TERAPIA INTENSIVA DIMINUISCE PERCHÉ CE LI SCOTOLIAMO”

MUSUMECI, DRAGHI E IL PESCE D’APRILE CHE NON FA RIDERE

SCANDALO DATI COVID: SPUNTA IL NOME DI COSTA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI