Vaccino anti-Covid, la Sicilia crolla agli ultimi posti: si va troppo a rilento

La campagna vaccinale anti-Covid ha subito un pesante rallentamento in Sicilia. L’Isola, che fino a qualche settimana era tra le prime regioni in Italia, è crollata agli ultimi posti per percentuale di dosi somministrate e si fatica a vaccinare la categoria più a rischio, quella degli over 80.

Secondo i dati forniti dal Ministero della Salute, e aggiornati al 21 aprile, la Sicilia è la terzultima regione per somministrazioni su dosi consegnate. Sull’Isola sono arrivati 1.366.835 vaccini e ne sono stati inoculati 1.156.429; il rapporto è dell’84,6%, ben al di sotto della media nazionale, che è dell’89,5%. Solo due regioni fanno peggio della Sicilia: Basilicata e Calabria.

La Sicilia, però, è ultima in una speciale classifica pubblicata da YouTrend, autorevole portale italiano che racconta le tendenze attraverso i numeri. L’Isola ha l’indice peggiore, frutto della percentuale più bassa di vaccinazioni nella fascia over 80 (solo il 59% ha ricevuto la prima dose).

Intanto arriveranno altre 25.100 dosi di vaccino AstraZeneca. Le consegne sono destinate alle farmacie ospedaliere di Giarre (5.500), Milazzo (3.200), Enna (800), Palermo (6.300), Erice Casa Santa (2.100), Siracusa (2.100), Ragusa (1.700), Agrigento (2.100) e Caltanissetta (1.300).

 

PALERMO, SEQUESTRATO UN PANIFICIO ABUSIVO A BORGO VECCHIO

MAFIA, IMPORTANTE BLITZ NELL’ENNESE

NUOVI CONTAGI, PALERMO SOTTO SOGLIA “ZONA ROSSA”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI