Vaccino Covid, l’hub di Palermo rallenta: meno inoculazioni per ridurre le code

Palermo col fiato corto sul fronte vaccini e “costretta” a rallentare. Alla fine per l’hub vaccinale della Fiera del Mediterraneo si è optato di ridurre il numero di prenotazioni disponibili (da 3 mila a mille al giorno) e di conseguenza il numero di somministrazioni giornaliere.

Inizialmente la linea del commissario per l’emergenza a Palermo Renato Costa era opposta: la sua idea era quella di aprire il centro vaccinale anche nelle ore notturne per permettere a più persone possibili di vaccinarsi; mantenere dunque il passo sul numero di somministrazioni ma al tempo stesso limitare disagi e code.

Alla fine si è optato per una riprogrammazione e per un rallentamento: meno vaccinazioni dunque e persone interessate dallo slittamento avvertite via sms. E a causa di un ritardo nelle forniture a livello nazionale si è deciso – in un’ottica di gestione delle dosi disponibili – di sospendere le vaccinazioni di accompagna disabili e soggetti “estremamente vulnerabili”.

Il tutto mentre la Regione ha annunciato un’altra giornata da oltre 20 mila dosi sull’Isola. Palazzo d’Orleans inoltre ritiene di non sentirsi chiamata in causa dall’avvertimento del governo nazionale, che ha voluto porre l’accento sulle grandi disomogeneità tra le regioni nelle vaccinazioni dei pazienti più deboli: in alcune regioni si è già avanti con i pazienti oncologici, mentre Sicilia, Campania, Trentino ed Emilia Romagna starebbero iniziando solo ora; in altre 9 regioni invece non si è nemmeno partiti.

NUOVO BLITZ ANTIMAFIA A BORGO VECCHIO: 15 MISURE CAUTELARI

NUOVA ZONA ROSSA E SCUOLE CHIUSE IN 22 COMUNI

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 24 MARZO 2021

 

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI