Variante Delta, preoccupazione anche in Sicilia: ma sale il numero dei vaccinati

La variante Delta diventa più di una preoccupazione anche in Sicilia. Sono più di 100 i casi accertati nell’isola ma il numero è destinato ad aumentare esponenzialmente nei prossimi giorni, vista anche la contagiosità del virus, certificata dall’andamento statistico rilevato in altri paesi Europei, Inghilterra, Spagna e Portogallo in primis.

E difatti vengono intensificati i controlli su tutti coloro che atterranno in Sicilia provenienti dalle destinazioni più “pericolose” per cercare di fare un tracciamento che appare difficile. La preoccupazione sale anche per ciò che è avvenuto nella notte in tutte le piazze dell’isola, dove i festeggiament per la vittoria europea dell’Italia ha fatto decisamente crollare tutte le misure di precauzione.

La situazione è ancora sotto controllo ma la preoccupazione sale: nell’ultima settimana c’è stato un netto rialzo dei contagi (oltre il 30%) anche se la pressione sugli ospedali per ora non è aumentata. Il timore però è che la diffusione del virus, con una possibile quarta ondata, possa contagiare sopratutto le persone di fascia d’età alta che ancora non hanno fatto il vaccino.

Aumentano gli appelli alla vaccinazione e proprio su questo versante arrivano le migliori notizie: nel week end si è registrata una nuova impennata nelle somministrazioni che avevano subito un rallentamento nelle due settimane precedenti. Nell’hub Fiera di Palermo sono state effettuate circa 100.000 vaccinazioni (molte seconde dosi) nel fine settimana: molti di questi facevano parte della categoria over 60, proprio quella che in Sicilia fa registrare uno dei numeri più bassi in Italia per percentuale di vaccinati.

Secondo il consueto report della Protezione civile “i nuovi positivi in Sicilia sono 813, il 36% in più rispetto alla settimana precedente. E’ cresciuto anche il rapporto fra tamponi positivi e tamponi effettuati, passato dall’1% all’1,5% mentre il numero degli attuali positivi è pari a 3650, 87 in più rispetto alla settimana precedente. Le persone in isolamento domiciliare sono 3504, 99 in più rispetto alla settimana precedente. Ed ancora, i ricoverati sono 146, di cui 17 in terapia intensiva. Rispetto alla settimana precedente sono diminuiti di 12 unità (i ricoverati in terapia intensiva invece sono aumentati di 2 unità). Nella settimana appena conclusa si sono registrati 9 nuovi ingressi in terapia intensiva (+200% rispetto ai 3 della settimana precedente)”.

La statistica evidenzia che “il numero dei guariti (223648) è cresciuto di 1008 unità rispetto alla settimana precedente. La percentuale dei guariti sul totale positivi è pari al 95,9%  (come domenica scorsa) ed il numero di persone decedute registrato nella settimana è pari a 11 (la settimana scorsa 16). Complessivamente le persone decedute sono 5992, e il tasso di letalità (deceduti/totale positivi) è pari al 2,6% (come ormai dal 17 aprile) e i  ricoverati complessivamente rappresentano il 4,0% degli attuali positivi (i ricoverati in terapia intensiva lo 0,5%)”..

REPORT DELL’ISS: LA MAGGIOR PARTE DEI NUOVI CONTAGIATI NON HA FATTO IL VACCINO

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DELL’11 LUGLIO 2021

COVID, I DATI DELLE NOVE PROVINCE (11 LUGLIO)

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI