almaviva

Vertenza Almaviva, l’azienda: “Senza ammortizzatori sociali, ristrutturazione inevitabile”

Si è chiuso con una sostanziale fumata nera l’incontro nella sede di Sicindustria sul call center Almaviva di Palermo: l’azienda, Almaviva Contact, ritiene di fatto una “ristrutturazione” del centro in assenza di ammortizzatori sociali in grado di fronteggiare gli esuberi, mentre sindacati e Rsu ritengono “insostenibili” le ricadute sul prosieguo dell’utilizzo degli ammortizzatori sociali dall’1 aprile in poi se non condivise a livello nazionale e applicate a tutti i lavoratori.

L’azienda afferma: “Pur comprendendo le motivazioni che la muovono, l’odierna posizione di difficoltà rappresentata dalle organizzazioni sindacali ad attivare nel medio periodo un percorso sostenuto da specifici ammortizzatori sociali necessari a fronteggiare la gravissima realtà degli esuberi strutturali, percorso indirizzato al tavolo istituzionale riunito negli ultimi mesi, in assenza di strumenti diversi, rende allo stato impercorribili soluzioni alternative alla ristrutturazione del centro”.

“Almaviva Contact – prosegue la nota – ha condotto, sostenuto e condiviso, fino ad oggi e in tutte le sedi, ogni iniziativa e confronto utile ad assicurare le indispensabili condizioni di stabilità occupazionale e di sostenibilità economica per il centro produttivo di Palermo, colpito dal drastico taglio dei volumi di attività deciso, e confermato, ancora negli ultimi giorni, da alcuni dei principali committenti”.

Categorie
economia
Facebook

CORRELATI