12 arresti traffico migranti sicilia tunisia

Viaggi clandestini Tunisi – Trapani in gommone: altre 12 persone fermate

Un’operazione della Guardia di Finanza ha portato al fermo di 12 persone, alcune delle quali di origine tunisina e altre siciliane, con l’accusa di sfruttamento dell’immigrazione clandestina, contrabbando di tabacchi lavorati e fittizia intestazione di beni e attività economiche. Le indagini sono coordinate dalla Procura della Repubblica di Palermo.

Proprio nei giorni scorsi era stata portata a termine un’altra operazione analoga. L’ipotesi anche in questo caso è che una organizzazione, guidata probabilmente da Fadhel Moncer, vendeva a un prezzo di circa 3.000 euro un “passaggio” clandestino in gommone carenato con potenti motori fuoribordo per coprire la tratta Tunisia – Trapani in poco tempo. Insieme ai migranti “viaggiavano” anche quintali di sigarette di contrabbando. Disposti anche numerosi sequestri di beni mobili e immobili per un valore complessivo di circa 3 milioni di euro. Due persone sono ancora ricercate.

Il presunto capo della banda, Fadhel Moncer era già stato arrestato nel 2012 per traffico di armi e droga e secondo quanto appreso attraverso intercettazioni telefoniche aveva anche pensato a un attentato dinamitardo contro la caserma dei carabinieri di Marsala, progetto che venne interrotto dall’arresto.

I NOMI DEI FERMATI: Fadhel Moncer, nato in Tunisia, 38 anni; Fakhri Moncer, nato in Tunisia, 35 anni; Bessem Elaiba, nato in Tunisia, 34 anni; Moussa Hedhili, nato in Tunisia, 26 anni; Nabil Zouaoui, nato in Tunisia, 55 anni; Filippo Solina, nato a Lampedusa (Ag), 51 anni; Salvatore Spalma, nato ad Agrigento, 30 anni; Francesco Sacco nato a Porto Empedocle (Ag), 53 anni; Antonino Lo Nardo, nato a Palermo, 43 anni; Giulio Di Maio, 32 anni, nato a Palermo; Vincenzo Corda, 35 anni, nato a Palermo; Pietro Ilardi, nato a Palermo, 44 anni.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI