Video estremi su TikTok: influencer denunciata per istigazione al suicidio

Una donna di 48 anni, originaria della provincia di Siracusa), è stata denunciata dalla Polizia Postale di Firenze (coordinata dal procuratore aggiunto Luca Tescaroli e dal sostituto procuratore Fabio Di Vizio della Procura fiorentina) per istigazione al suicidio A eseguire il provvedimento sono stati gli agenti di Catania.

Nell’ambito dell’attività di monitoraggio della rete internet, gli investigatori della Polizia Postale di Firenze hanno individuato sul social network Tik Tok un link riconducibile al profilo della ‘influencer’ siciliana, nel quale viene visualizzato un video ritraente una “sfida” tra la donna e un uomo, in cui entrambi si avvolgevano totalmente il volto, compresi narici e bocca, con il nastro adesivo trasparente, in modo tale da non poter respirare.

Il video, “estremamente pericoloso in quanto visibile a tutti gli utenti senza restrizioni, potendo costituire oggetto di emulazione da parte di minorenni, come purtroppo già accaduto nei recenti fatti di cronaca con sfide analoghe”, è stato immediatamente segnalato dal CNCPO del Servizio Polizia Postale di Roma e rimosso dalla piattaforma Tik Tok.

Nell’ambito dell’attività di monitoraggio è stato accertato che nel tempo l’influencer aveva pubblicato anche altri numerosi “video sfide” dello stesso tenore, che le hanno permesso di ottenere popolarità e l’attenzione di ben 731.000 followers di diverse età. I video con ‘sfide pericolose’ sarebbero una ventina: dall’inalare la panna dal naso al chiudersi le palpebre usando delle pinze passando per il fingere di rompersi un braccio con delle pentole.

“I video – afferma la dirigente della polposta Toscana, Alessandra Belardini – saranno tutti rimossi”. L’influencer 48enne, che ha aperto il profilo Tik Tok nell’aprile del 2020, avrebbe anche dei figli: “Si parla tanto di genitori che devono essere da esempio – spiega Belardini – ma non possono esserlo se sono loro per primi a fare cose pericolose sul web. Per questo i ragazzi tendono a non vederli più come maestri di vita”.

CACCAMO: SEQUESTRATA LA PALESTRA ABBANDONATA

L’APPELLO DEI GENITORI: “CHI SA PARLI”

UNA CANDELA PER ROBERTA: IL RICORDO DEGLI AMICI

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 27 GENNAIO 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI