Vince la linea rigida della Sicilia: blocco dei collegamenti (e poche eccezioni)

Per contenere il contagio del coronavirus si farà, più o meno, come dice la Sicilia. E cioè con estremo rigore per quanto riguarda gli arrivi di persone nell’isola, sopratutto grazie al treno.

L’ufficio stampa della Regione informa quali saranno le prossime iniziative che il ministro dei Trasporti Paola De Micheli si appresta ad adottare, su richiesta del presidente della Regione Siciliana Musumeci.

Saranno sospesi i collegamenti aerei, nazionali e internazionali, a eccezione di due voli al giorno tra Roma e Palermo e Catania; blocco di tutti i servizi automobilistici interregionali e dei servizi marittimi per il trasporto dei passeggeri, garantendo solo quello merci.

Saranno possibili gli spostamenti per i passeggeri da Villa San Giovanni e Reggio Calabria a Messina e viceversa, ma solo per comprovate esigenze di lavoro o di salute. Con Roma sarà mantenuto un solo treno intercity al giorno. Il governatore ha chiesto anche al ministro della Salute, Roberto Speranza, i necessari controlli sanitari alla partenza sia per i passeggeri che per i conducenti di mezzi di trasporto merci.

CORONAVIRUS, BOLLETTINO DELLA SICILIA 15 MARZO

CORONAVIRUS, BOLLETTINO NAZIONALE DEL 15 MARZO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI