Violenze sessuali e abusi su bimbi di 9 anni: condannato il mafioso Vincenzo Spezia

Dieci anni di carcere per Vincenzo Spezia, 59enne figlio del defunto boss mafioso di Campobello di Mazara, Nunzio, fedelissimo di Matteo Messina Denaro, che è stato condannato dal gup di Palermo Paolo Magro.

L’uomo è accusato di violenza sessuale su minori ed era stato arrestato nel 2021. Il pm aveva chiesto 24 anni, ma la pena è stata ridotta a causa della caduta di un capo di imputazione.

I militari del Ros scoprirono le violenze e intercettarono Spezia durante le ricerche per il latitante Matteo Messina Denaro. Tre le vittime accertate in circa dieci incontri: si tratta di due bambini e una bambina di 9. Nel 2019 aveva anche scontato una condanna a 21 anni per mafia e droga.

Nello specifico, in un’intercettazione di Vincenzo Spezia è stato ascoltato mentre era intento a violentare uno dei piccoli, pronunciando frasi troppo esplicite per un bambino di appena 9 anni.

CACCIA, FIGUCCIA: “MERITA PIÙ RISPETTO, VIENE TRATTATA COME SE FOSSE UN’ATTIVITÀ CRIMINALE”

SEQUESTRATE DUE DISCOTECHE ABUSIVE SUL LUNGOMARE DI ISOLA DELLE FEMMINE E CAPACI

CATANIA, ARRESTATO IMPRENDITORE DELLA “T.C. IMPIANTI”: FAVORIVA IL CLAN PILLERA-PUNTINA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI