Giulia-Grillo

Visita del ministro Grillo a Catania, i sindacati: “Passeggiata di propaganda”

“La tanto attesa visita a Catania del ministro alla Salute, Giulia Grillo, è equiparabile più ad una passeggiata di propaganda che ad un impegno istituzionale”. Lo dichiarano Cgil, Cisl, Uil e Ugl di Catania in una nota congiunta.

“Giulia Grillo – aggiungono i sindacati – ha dimostrato di non essere nelle condizioni politiche di assumersi delle responsabilità a breve e medio termine, a maggior ragione in una città complessa come Catania dove da sempre, ma persino drammaticamente negli ultimi anni, è necessaria una razionalizzazione della sanità pubblica- continua la nota- Ancora una volta il governo nazionale non si è dimostrato attento ai bisogni del nostro territorio e la passeggiata del ministro ne è stata la prova. Ricordiamo al ministro Grillo – si legge nella nota del sindacato – che a Catania i pronto soccorso scoppiano sempre più di utenti, innescando una serie di conseguenze pericolose che vanno dall’efficienza ed efficacia del servizio alla sicurezza stessa dei medici e degli operatori sanitari”.

“Siamo ancora una volta – sostengono i sindacati – di fronte ad una ‘distonia governativa’ che rischia di affossare definitivamente Catania e che francamente ci preoccupa molto. La medicina del territorio, per vari motivi, non esiste oppure è molto carente (per personale e strumenti) e il governo regionale Musumeci, seppur dimostrando buona volontà, fa sempre più fatica a gestire una situazione che diventa sempre più intricata. Per questo chiediamo alla Regione una convocazione urgente affinché nel corso di un tavolo di confronto con i sindacati catanesi, si possa fare il punto delle azioni da intraprendere realmente. Cgil, Cisl, Uil e Ugl di Catania – conclude la nota – ribadiscono la centralità del servizio sanitario per uno stato che continua a definirsi democratico. Ciò non può non passare dal rispetto dei diritti fondamentali, degli utenti e dei lavoratori. Dimenticarlo o ignorarlo è una grave mancanza politica”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI