Vittoria, due colpi di fucile hanno ucciso Orazio Sciortino: lo ha stabilito l’autopsia

L’autopsia sul corpo di Orazio Sciortino, l’ex collaboratore di giustizia ucciso lunedì sera in contrada Cappellaris sulla strada provinciale Vittoria – Santa Croce Camerina, ha confermato che i colpi fatali sparati da un fucile sono stati due. Lo hanno raggiunto al collo e alla schiena.

Il medico legale Giuseppe Algieri che ha eseguito l’autopsia si è riservato di presentare la sua perizia entro 60 giorni. Intanto gli agenti del Commissariato di Vittoria e della Squadra Mobile di Ragusa coordinati dal pm Gaetano Scollo continuano a sentire diversi testimoni per ricostruire le ultime ore di Orazio Sciortino e individuare il movente di quest’uccisione.

Il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica indetto dal prefetto di Ragusa, Filippina Cocuzza, ieri sera ha fatto il punto sullo stato delle indagini ed ha escluso al momento “che lo stesso sia riconducibile ad una matrice della criminalità organizzata mafiosa, in considerazione delle modalità di esecuzione e dello scarso spessore criminale attuale della vittima”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI