Vulcano, gara per la messa in sicurezza del porto. Falcone: “Un moderno attracco”

L’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, ha annunciato che si concluderà mercoledì 24 novembre la procedura negoziata di affidamento dei lavori di messa in sicurezza del porto di Vulcano, nelle isole Eolie.

“Questo progetto – spiega l’assessore – ha dovuto attendere più di due anni per ottenere la valutazione Via e la verifica di ottemperanza da parte del ministero dell’Ambiente, ma adesso ci siamo. Manteniamo così l’impegno assunto nel corso delle numerose visite sull’isola, raccogliendo l’appello a eliminare un disagio che si trascinava addirittura dal 2015, quando una nave danneggiò gravemente l’esistente pontile in acciaio per l’attracco degli aliscafi. Da allora la struttura giace in abbandono ma adesso verrà demolita. Al suo posto verrà costruito, come voluto dal governo Musumeci, un moderno attracco per mezzi veloci collegato alle banchine portuali, insieme alla prevista sistemazione del molo forane“.

Il progetto di messa in sicurezza del porto di Vulcano ha un valore di 2.278.882,32 euro. La Regione, attraverso il dipartimento Infrastrutture, si è sostituita al Comune di Lipari per espletare l’appalto e accelerare così i tempi dell’opera. I lavori, una volta affidati, andranno avanti per tutto il 2022.

“Nell’ambito del nostro piano di rilancio della portualità siciliana, la Regione intende restituire a Vulcano un porto finalmente all’altezza delle esigenze e delle prospettive dell’isola che funge da porta per tutto lo splendido arcipelago delle Eolie”, conclude l’assessore Falcone.

MALTEMPO IN SICILIA: DANNI E DISAGI NEL PALERMITANO, TROMBA D’ARIA NEL NISSENO

COVID IN SICILIA, STABILI I NUOVI POSITIVI MA AUMENTANO I RICOVERI: I DATI SETTIMANALI

PALERMO, IL CENTRODESTRA APRE A NUIOVI ALLEATI. MA ANCORA NIENTE CANDIDATO

 

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI