carabinieri

“Zona rossa” a Ramacca e Castel di Iudica, prime multe e chiusure: controlli intensificati

Castel di Iudica e Ramacca si sono risvegliate in “zona rossa” (così come previsto dall’ordinanza della Regione) ma già nel weekend si sono intensificati i controlli per garantire il rispetto delle disposizioni emanate per il contrasto alla diffusione del coronavirus.

Verifiche sono state eseguite dai carabinieri, seguendo gli indirizzi strategici della Prefettura. A Castel di Iudica i militari della locale stazione hanno disposto la chiusura provvisoria per 5 giorni di un bar. Tre le sanzioni comminate dai carabinieri: le prime due al titolare per aver consentito ad un cliente di consumare la colazione all’interno del locale, mentre era consentito esclusivamente l’asporto, nonché di aver permesso l’accesso di un numero di persone superiore a quello consentito dalla norma; l’altra, invece, elevata nei confronti dell’avventore.

A Ramacca i militari hanno sanzionato cinque persone, di cui due trovate in giro nell’orario di coprifuoco, mentre le altre passeggiavano in strada senza indossare i previsti dispositivi di protezione. A Scordia un chiosco è stato chiuso per 30 giorni perché il titolare è risultato ‘recidivo’, un altro per 5 cinque giorni.

VACCINO COVID IN SICILIA, CHIESTE 50 MILA DOSI IN PIÙ

COVID E NUOVO DPCM, ARRIVA LA STRETTA SULLA MOVIDA

ORLANDO CHIEDE CHE TUTTA LA SICILIA DIVENTI ZONA ROSSA

CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 10 GENNAIO 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI