Ztl a Palermo, botta e risposta tra Catania e Gelarda: “Diffonde dati parziali”

È botta e risposta tra l’assessore alla mobilità di Palermo, Giusto Catania, e il capogruppo della Lega a Palazzo delle Aquile, Igor Gelarda. Il pomo della discordia è la Ztl cittadina.

Gelarda ha dichiarato: “A marzo, nonostante la ZTL sia stata attiva per 3 settimane e nonostante fossimo in piena emergenza covid le automobili  entrate all’interno del centro storico sono state  526 mila, ad aprile circa 349 mila e a maggio 228. Questi sono i dati veri ed ufficiali, rilevati dalle telecamere agli ingressi dei varchi e messi nero su bianco dal comando della Polizia Municipale, in risposta ad una mia interrogazione. Dati eclatanti  che confermano che l’Assessore Giusto Catania ha detto castronerie alla città, ai cittadini e al Consiglio comunale quando ha affermato che la ZTL andava riattivata per limitare l’inquinamento e che il traffico era tornato ad aumentare”.

“I dati lo smentiscono clamorosamente e confermano che la ZTL targata Orlando-Catania altro non è che una mera operazione ideologica e per fare cassa, che nulla ha a che vedere con l’inquinamento, con la vivibilità, con la tutela della salute – continua Gelarda – . Nessun impatto positivo dunque, né in termini di traffico né in termini di qualità della vita: solo una ZTL ideologica, inutile e dannosa.Una ZTL farlocca, che si aggiunge alle strampalate ordinanze che vorrebbero imporre un quasi lockdown notturno, rendendo la città ostaggio di un sindaco ed un assessore che hanno del tutto perso il contatto con la realtà”.

È quindi subito arrivata la risposta di Giusto Catania: “Gelarda è ossessionato dalla ZTL. Come sempre il capogruppo leghista la spara grossa pur di ritagliarsi qualche riga sulla stampa: gli consiglio, ancora una volta, di fare una telefonata prima di scrivere un comunicato stampa. I dati diffusi da Gelarda non sono completi, infatti a causa del rinnovo del contratto di gestione delle telecamere (si passa da 5 a 32 telecamere) i dati di maggio sono relativi a pochi giorni, nella stragrande parte del mese le telecamere non hanno potuto registrare i transiti”.

ETNA, BARBAGALLO: “DICHIARARE LO STATO DI CALAMITÀ NATURALE”

PALERMO: INCIDENTE NELLA NOTTE, DUE FERITI GRAVI

CATANIA, VANNI CALÌ RICOVERATO NELLA NOTTE

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI